Il tacchino del Thanksgiving

Image

Giovedì negli Stati Uniti si festeggia il Thanksgiving, il giorno del Ringraziamento Da quando sono tornata a vivere in Europa ho sempre voluto mantenere viva questa tradizione, che qui non conoscono o conoscono poco, soprattutto perché fin dal primo anno il mio tacchino ha avuto un successo strepitoso. Lo so che sembra un controsenso. In fondo un tacchino è un tacchino, cosa potrà mai avere di così speciale? Bè, un segreto c’è. Sta tutto nel marinarlo per almeno 24 ore prima di metterlo in forno. 

Quest’anno, poi, dopo aver trovato per due anni di fila dei tacchini piccoli e cari come il fuoco (90 franchi per un tacchino da nemmeno 4 chili… ma siamo impazziti?) mi sono fatta furba e ne ho ordinati due al macellaio dell’Esselunga. Sono andata a prenderli ieri e sono rimasta letteralmente a bocca aperta: due tacchini da quasi 8 chili l’uno, per un totale di 42 euro. Evviva l’Esselunga!!

Comunque, bando alle chiacchiere. Ecco la ricetta, una delle mille ricette tradizionali che si fanno negli Usa. Inutile dire che da quelle il tacchino è come da noi l’arrosto: ogni mamma ed ogni nonna hanno la loro ricetta, la migliore del mondo.

Per la marinata:

3 litri di succo di mela non dolcificato
1 tazza di sale grosso
1 tazza di zucchero
1 cucchiaio di grandi di pepe nero, leggermente schiacciati
1 cucchiaio di chiodi di garofano, leggermente schiacciati
8 fettine di zenzero fresco
2 foglie di alloro
2 stecche di cannella
2 arance, tagliate a fette
Ghiaccio

Restanti ingredienti:

Un tacchino grosso, da circa 6 chili
4 spicchi d’aglio
Una manciata di foglie di salvia
Una manciata di timo
Una cipolla, tagliata in quattro
1/2 litro di brodo di pollo
2 cucchiai di burro fuso
Sale e pepe

Preparazione:

Prendete i primi 8 ingredienti della lista della marinata, metteteli in una pentola bella grossa e portate ad ebollizione. Cuocete per circa 5 minuti o finché lo zucchero è sciolto e poi lasciate raffreddare completamente.

Prendete il tacchino e mettete le fette di arancio dentro nel corpo. Prendete un sacco di plastica resistente e abbastanza grosso da contenere il tacchino, metteteci dentro il tacchino, la marinata e ghiaccio in abbondanza, chiudete bene il sacchetto e mettetelo in frigo per 24 ore, girandolo ogni tanto.

Scaldate il forno a 250°.

Togliete il tacchino dalla marinata, eliminate le fette d’arancio, sciacquatelo sotto l’acqua fredda e asciugatelo con un panno. Prendete una teglia abbastanza grande e mettete sul fondo l’aglio, la salvia, il timo, la cipolla e il brodo. Appoggiateci sopra il tacchino con il petto verso basso. Massaggiate il tacchino col burro fuso, salatelo e pepatelo. Mettete in forno per 30 minuti a 250°.

Abbassate la temperatura a 180°. Girate il tacchino, col petto verso l’alto. Massaggiatelo col burro, salate e pepate. Cuocete a 180° per 1 ora e 30 minuti.

Togliete dal forno e lasciate riposare per 20 minuti prima di tagliarlo.