Polpette

Ieri arrosto, oggi polpette. Perchè si sa che le polpette più buone, anzi, le uniche ad essere degne di portare tal nome, sono quelle fatte con gli avanzi. Non importa tanto di cosa, a casa mia si fanno con gli avanzi un po’ di tutto quel che capita, sempre che sia carne, ovviamente.

Tra l’altro fare le polpette ha un che di catartico, secondo me. Sarà la ripetitività dell’amalgamare e fare le palline e passarle nel pan grattato. Non so. Fatto sta che è esattamente quello di cui ho bisogno alla fine di una settimana che mi sembrava non finire mai. Il mio weekend inizia tra poco e finisce domenica mattina. Non so perchè ma in questo periodo mi sembra che due giorni non siano mai abbastanza. Sarà stato che mi ero abituata a tutti i vari weekend lunghi, ponti e vacanze di dicembre e gennaio? Sarà che ho bisogno di un cambio di stagione? Non lo so proprio. Ma davvero, oggi sono esaurita. Domani mattina dormire sarà un toccana, spero.

Bando alle chiacchiere, dai. Eccovi la ricetta, che in fin dei conti non è proprio una ricetta visto che non esite una quantità di ingredienti “giusta”. Le polpette vanno fatte con un certo estro, l’esatto contrario del pane e delle torte. Che poi è il motivo per cui le mie polpette sono ottime, emntre il mio pane fa spesso schifo.

Avanzi di carne (arrosto, pollo, tacchino… chi più ne ha più ne metta)
Un paio di fette di prosiuctto crudo
Due uova
Pan grattato
Parmigliano grattuggiato
Sale e pepe
Prezzemolo tritato
Cipolla tritata
Un pizzico di noce moscata

Tritate la carne e il prosciutto nel minipimer e poi mettetela in una terrina. Aggiungete sale, pepe, cipolla e prezzemolo.

Aggiungete le uova, il formaggio e il pan grattato fino a quando il mix non è troppo asciutto ma nemmeno troppo molle. Quando ha la consistenza giusta per essere fatto a palline, formate le polpette e passatele nel pane grattuggiato. Cucoetele in padella con olio vegetale. Gustatele subito o surgelatele.